Tu non sei adatto alla felicita’ normale

Discutevo con mio padre, in seguito ad una sua analisi abbastanza ubriaca, di cosa mi renda felice a discapito di quello che cerco.

Pare che a me le cose tranquille e statiche facciano morire di noia, ma le cose complicate e dinamiche facciano morire di stress.
Tuttavia, un po’ di complicazione, un po’ di "drama" mi ci vuole ogni tanto, se no non mi diverto, e scivolo lentamente in un’apatia e un calo di entusiasmo fuori dal comune.

Cose difficili, ma non troppo, che diano enormi soddisfazioni e facciano sentire grande pienezza emotiva ed intellettuale.
Situazioni ambigue, passi verso mete che rappresentino sfide, senza tuttavia la seccatura della competizione (davanti alla competizione in genere mi ritiro velocemente e sparisco, perche’ niente vale la pena di rischiare di perdere, nel mio subconscio super edonista).

Tentazioni da non soddisfare mai fino in fondo.
Il gusto dello scoprire, dell’evincere, del conquistare, dello stare all’erta, ma non troppo.

Perche’ mi sento morto se qualche sentimento forte non mi scuote, e non potendo amare, mi serve qualcos’altro di difficile ed intenso.
Le amicizie, gli intrighi, la gente nuova che subisce pian piano la trasformazione in status "persona" e non bambola di carne che mi da fastidio.
Mi serve vivere le cose, e che non siano facili.
Che mi diano un buon motivo per sedermi e dire "cazzo!", anche se quando lo faccio penso che non vorrei affatto tutto cio’.

Non so dire se sia vero o no, ma a volte calza.

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tu non sei adatto alla felicita’ normale

  1. Fabio ha detto:

    In realtà, come tutti i sedicenti creativi (ahahahah), sei attratto dalla fase della conquista :-DQuella fase in cui l\’impresa vale la candela e l\’adrenalina gira vorticosamente in circolo …. una volta raggiunto l\’obiettivo #1 (cioè la conquista dell\’interesse dell\’altro/a) hai un calo di attrattiva tremendo per l\’impresa, che diviene via via sempre più routine.
     
    Certo, è più complicato mantenere vivo un rapporto, trovare nuovi stimoli e magari rimettersi in discussione ogni giorno (con l\’ipotesi perenne di un rifuto o di una sconfitta), ma puoi sempre fare come me quando ti ignoro e la cosa ti fa girare tremendamente le balle ahahahahahah 😀
     

  2. Keishiro ha detto:

    Le tue teorie sul sottoscritto sono sempre piuttosto bizzarre, ma non toppi completamente. La questione del calo di attrattiva sussiste solo quando la conquista e\’ intesa come un gioco in amicizia. Quando c\’e\’ di mezzo un rapporto *amoroso* vero e proprio, sono tutt\’altro che difficile da tenere "acceso". L\’unica storia d\’amore vera e propria che ho vissuto risale a qualche anno fa, ed e\’ durata dai miei 16 ai miei 20 anni. In tutti quegli anni mai nemmeno per un secondo ho avuto un calo d\’entusiasmo, nonostante le cose andassero benissimo e non ci fosse mai nemmeno un intoppo, un litigio, niente. Ero assolutamente inebriato del mio partner e di quello che era ai tempi forse restero\’ sempre innamorato. Ma come lui stesso mi ha insegnato, si cresce, si cambiano esigenze, e lui non e\’ piu\’ quella stessa persona sotto molti aspetti. Cio\’ di cui aveva bisogno non era piu\’ un adoratore, ma un compagno.Forse a contribuire a tenere acceso il rapporto c\’era il fatto che fosse di un freddo cosi\’ glaciale che strappargli un sorriso, per gente che non gli fosse vicina come fosse un fratello, era gia\’ una conquista bella grossa.Non era una persona facile, per metterla giu\’ breve.La differenza fra il mio innamoramento e il mio giocare comunque e\’ violentissima. Non mi annoierei mai di una persona che arrivo ad amare, al contrario sarebbe facile che questa si annoiasse di me.Il gioco, gioco e\’ e gioco deve restare, come gioco e\’ dichiarato sin da subito e dal campo del gioco non deve uscire. Per questo e\’ breve, vario, non continuativo, facile da spezzare perche\’ ne ho le palle piene.Ma i miei giochetti erotico-psicologici con gente a caso non hanno niente a che vedere con la mia felicita\’.Anche se sono divertenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...