Vivo di senso…

… ma non ha senso un bel niente!!!

Oggi mi hanno di nuovo confermato che il mio stato fisico e’ perfettamente normale, hanno di nuovo sottovalutato abissalmente il problema, e hanno fatto si che mi stufassi nuovamente di tutto questo trambusto.

La realta’ e’ che so che senza quei medicinali non tiro avanti piu’, mi tocchera’ riprenderli.

Una volta che so che non e’ niente di piu’ grave e preoccupante, sono ok.

E’ solo sempre la solita solfa da 8 anni a questa parte.

Pazienza.

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Vivo di senso…

  1. Fabio ha detto:

    Come dicevo a qualcuno oggi, gran parte delle malattie (secondo me) sono di origine psicosomatica.
    Ora … dimmi quali sono i tuoi sintomi e parliamone

  2. X ha detto:

    in fondo, per quale motivo un dolore dell\’anima dovrebbe avere meno dignità di un dolore del corpo? o non essere considerato una malattia "vera"? e in ogni caso… mh… non è certo una bella esperienza quando il tuo corpo non si comporta come sarebbe auspicabile, qualsiasi ragione ci sia all\’origine del problema. il benessere non è "quando le tue analisi del sangue sono perfette", perchè non siamo mica macchine. ciò che ci fa stare peggio quando ci ammaliamo è la sensazione psicologica di non poter fare altro che aspettare di guarire. così come, quando siamo in pena o stressati, facciamo fatica a sentire appetito o a dormire. la persona è fatta da mente e fisico insieme, secondo me non ha senso cercare di separare i due ambiti… può essere, invece, che curando il corpo, l\’anima ne risenta in modo positivo, o viceversa. possiamo provare a farci del bene, sia dentro che fuori… e vedere che succede. chissà che combattere i nostri malesseri da entrambi i fronti in contemporanea non sia la strategia giusta?l\’unica cosa che mi sento di dire al riguardo è che, se davvero un giorno i medici iniziassero a preoccuparsi dei loro pazienti… mi riempirei di pizzicotti per cercare di svegliarmi, non potrebbe essere altro che un sogno 😀

  3. Keishiro ha detto:

    @nonno: Probabilmente si, curiosamente infatti e\’ la parte stessa del mio corpo e metabolismo con cui sono sempre stato in litigio a non stare bene. Il problema e\’ che piu\’ cerco di combattere per accettare determinate cose, piu\’ mi danno fastidio ribellandosi a me. E\’ un discorso un po\’ troppo privato e complicato da mettere in gioco, anche perche\’ descriverti bene i sintomi ti farebbe capire alcune cose anche di uno dei miei disturbi psicologici che ho praticamente da sempre, e diciamo che per adesso non mi va di calare le difese in merito, la considero una cosa molto intima. Certo e\’ che e\’ un circolo vizioso. La malattia mi impedisce di accettare ed essere completamente cose, mi avvilisce, e mi preclude esperienze che un giorno non molto lontano vorrei fare. Quindi e\’ un po\’ un cadere continuo, a meno che, appunto, non riesco a tamponare la cosa temporaneamente con i famosi farmaci, e allora la lotta alla psicosi che potrebbe esserci dietro sarebbe un po\’ piu\’ semplice.@Leigh: Ah, poco ma sicuro, i medici se ne strafottono, anzi, danno colpa a fattori che quando il problema s\’e\’ presentato per la prima volta manco sussistevano. Sono per lo piu\’ cafoni e supponenti, specialmente nei miei confronti. Mi trattano con sufficienza a pelle, e vabbe\’, so di avere una faccia da stronzo ma sai, non credo che vorrei vedere la loro brutta faccia se non stessi veramente male, anzi, in genere tendo a cercare di far passare TUTTO piuttosto che andare a chiedere un parere a loro. Solo che in certi casi non si puo\’ proprio.

  4. Fabio ha detto:

    Mi chiami nonno, quindi mi calo nel ruolo e fungo da consigli_non_richiesti_dispenser 🙂
     
    Come ho scritto pochi giorni fa nel mio space, ti raccomando solo una cosa per interrompere la catena e tentare di liberarsi spiccando il volo: RESPIRA.
     
    Bonne chance mon ami …

  5. Fabio ha detto:

    … ripensandoci …
    ognuno di noi è un colore o, se preferisci vedere la vita in bianco e nero, una diversa tonalità di grigio.
    Non c\’è solo bianco o nero, anche un grigio al 33% o al 65% va benissimo.
     
    Ricordo infine una mia amica appassionata di reiki: in base alla localizzazione del problema sapeva descriverne il carico energetico responsabile e associare una spiegazione più o meno plausibile … es: il lato destro del corpo ha qualcosa che non va = la ns. parte femminile si ribella ecc. ecc. ecc.
     
    (… è che ho qualche minuto di tempo e posso scrivere, tutto qui … sono un grafomane)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...