Sogno, e Gattone nero

Ho sognato il mio avatar con un fuoco segnaletico in mano. Camminava con una nota significativa canzone sotto, motivo probabilmente del sogno intero, in una sorta di deserto scurissimo.
Era vestito da "sopravvissuto", non si capisce bene se un soldato o uno di quei soliti sboroni con la giacca di pelle e un armamentario enorme. Troppo buio, illuminato solo da questo fuoco segnaletico quasi fioco, forse quasi scarico, e una parvenza di alba in fondo.
Non so come sapevo fosse un’alba e non un tramonto, ma still, lo sapevo.

All’improvviso si e’ fermato a fissare il cielo, solita stand del mio AO con le mani dietro la schiena, questo fuoco che scintilla fra le sue mani dietro di lui, non e’ possibile vedere l’espressione.
Non porta zaini ne’ niente, e sa tanto di qualcosa di gia’ successo. Lo vedo come se fosse una vecchia registrazione.
Si siede su questa sabbia, chissa’ se era un deserto o una spiaggia, e il fuoco segnaletico inizia ad illuminare una sorta di campo abbandonato con un fuoco, spento ovviamente, davanti a lui. Si rannicchia su se stesso, e con l’aria di una non troppo serena rassegnazione, si abbraccia le gambe fissando quel fuoco segnaletico che man mano si affievolisce sempre di piu’.
Quando e’ quasi buio, non lo sta guardando neanche piu’, ha appoggiato la testa sulle gambe, ma non piange ne’ sembra particolarmente triste, ha quell’apparenza gelida che ormai lo contraddistingue.
Dice solo ridendo fra se e se, abbracciandosi anche con le ali, "Era l’ultimo.", e mentre l’oscurita’ lo inghiotte completamente… Sorride.

Lontano il sole sta sorgendo, e la stessa oscurita’ nata dallo spegnersi di quello strumento viene gradualmente spazzata via da questo grosso sole, che dapprima illumina tutto lo scenario, che sembra sempre meno un deserto, in cui l’avatar non c’e’ piu’… Poi sovraespone questa sorta di strana pellicola ingoiando lentamente in un bianco accecante anche tutto il resto.

Quando mi sono svegliato volevo farne una foto, ma la canzone a cui e’ SICURAMENTE legato questo sogno parla di tempi un po’ troppo lontani dal mio stato d’animo attuale. Non a caso nel sogno, sembrava tutto soltanto una registrazione.
Non credo riuscirei a renderlo bene, e poi al momento non ho tempo.

Ad ogni modo da un po’ di tempo ho con me un gattone nero di nome Sirius, nuovo arrivato in casa, bellissimo, gigantesco. Era il gatto di Lyuril, ma diciamo che e’ successo un po’ di casino dove abitava ed e’ dovuta tornare a casa sua, dove non poteva tenerlo causa cane.
Il piccolotto ha un passato un bel po’ movimentato, e’ stato preso da una famiglia che l’ha legato in un sottoscala in sostanza, poi sballottato da un centro di assistenza felina, e quindi preso da Lyu. Ora e’ da me, e spero per lui povero che sia l’ultimo vero sballottamento della sua vita, anche perche’ non credo riuscirebbe a reggerne psicologicamente un altro.

Inizialmente era piuttosto incazzato, e la vedevo piuttosto grigia. Appena ha visto i miei gatti ha preso a ringhiar loro come se fossero la peste, ma questo sicuramente e’ dovuto al fatto che non ne ha probabilmente mai visti in vita sua.
Si e’ ficcato sotto il letto ed era un continuo ringhiare per allontanarli, nonostante loro volessero invece socializzare, abituatissimi ad avere a che fare con gli altri gatti ed incredibilmente poco gelosi e territoriali per essere dei felini.

Niente per una settimana scarsa e’ andato avanti a soffiare rinchiuso sotto il letto, inizialmente anche a me, cosa che i gatti in 25 anni di vita, anche i piu’ problematici spaventati distrutti e randagi, MAI hanno fatto. La cosa mi ha turbato un pochettino anche se sapevo che era solo spaventato, gia’ di suo quando era a casa di Lyu tendeva a saltar per aria per ogni stronzata, figuriamoci in una situazione del genere…
Con il tempo e con molta calma e pazienza sono riuscito quantomeno io a riconquistarmi la sua fiducia e il suo affetto, si e’ fatto piu’ coccolo, non ha paura di essere avvicinato e toccato, e’ tranquillo insomma. Con i miei gatti invece era ancora un po’ problematica la vicenda, e non si e’ alleviata fino al momento in cui Lyuril e’ arrivata a rassicurarlo che non l’abbiamo massacrata e nascosta in un cassonetto strappandolo via da lei e infilandolo in un covo di belve feroci, ma che semplicemente aveva cambiato territorio.

Ora si soffiottano ancora un po’ ma e’ tutt’altra musica. Molto spesso si annusano, e lui consente loro di avvicinarsi senza stare piu’ di tanto a fare scene isteriche per la serie guai a voi vi ammazzo.
Ha anche preso a fare frequenti giretti per casa, anche se purtroppo non ha ancora preso a uscire permanentemente da sotto il letto… Diciamo che lo considera ancora il suo "campo base" dopo le perlustrazioni, ma e’ decisamente piu’ tranquillo.

Preoccupato del fatto che comunque resta rintanato la sotto sono andato a chiedere in giro su internet e a vedere un po’ casi analoghi o simili, e con mio immenso stupore non solo ho visto che era normale, ma che mi e’ andata anche di culo!!! Gatti con quei traumi infatti, se ficcati nuovamente in una gabbia e messi improvvisamente a contatto con altri gatti, in genere manco si fanno toccare per settimane e settimane, e non mangiano ne’ bevono, mentre lui in confronto e’ una passeggiata, si e’ ripreso anche velocemente e senza dare tanti problemi!

Insomma sono contentissimo e non vedo l’ora che si tranquillizzi del tutto per acchiapparmelo in braccio e spupazzarlo di coccole senza dovermi muovere a mo di moviola se no schizza di nuovo sotto il letto. (Ed e’ pirla, perche’ poi se alzo il materasso e lo coccolo di prepotenza, fa pure le fusa, e guai a non degnarlo di attenzioni per troppo tempo, prende pure a miagolare finche’ non arrivo… pero’ vuole stare li’ per ora, va be… O_o).

Ora ho tre gatti insomma. Uno nero grosso, uno bianco medio, e uno bianco e nero piccolino.
E nonostante tutto vista la velocita’ con cui ha smesso di tentare di farli a fettine, penso che andranno d’accordo 🙂

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sogno, e Gattone nero

  1. veroniKa ha detto:

    🙂 lo sapevo che si sarebbe lasciato conquistare ^^ hihihi spupassalo anche da parte mia ^^e il sogno.. :O

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...