Finto intenditoriato Atto II

Rieccoci a un altro esilarante ed entusiasmante appuntamento con i clienti dei ristoranti giapponesi.
Oggi vi portiamo delle chicche che sono difficilmente superabili… Buona lettura.

  •  Cliente con ragazza a seguito : Ragazza: Che schifo ma qui c’e’ del pesce crudo! (Ma va? NdK) Cliente: Si ma non ti preoccupare prendiamo una BARCA DI SUSHI che e’ buono! (Domanda. Ma se io ti dico "che schifo ci sono i peperoni, tu mi ordini una peperonata? NdK) – Arriva il cameriere. Cliente: Senta ma non c’e’ una barca con un po’ di tutto? ("Barca Mista" non e’ abbastanza eloquente NdK). Arriva il cibo. Cliente: Si ma non ti preoccupare tu mangia il pesce che il riso e’ decorativo! (What? NdK). La ragazza si mette VERAMENTE a togliere il pesce dal riso e se lo mangia con la giusta espressione perplessa. Ragazza: Si ma non sa di niente sa un po’ di plastica (Eh bhe, mangiato da solo senza pucciarlo in niente! NdK)… meno male che ci han messo almeno un po’ di insalata!!! (SONO ALGHE per diooo!!! NdK). Non contenta la signora non riuscendo ad acchiappare i roll california con le bacchette (EDDAJE! quantomeno di cervello ci e’ arrivata che forse il riso da li’ non andava tolto), piglia queste ultime a mo di pugnale e infilza il roll spappolandolo ovviamente in maniera insulsa… Salvo poi cercare di rimediare al danno facendo la scarpetta con le alghe.
  • Cavalli di battaglia seduti al tavolo dei sushi rotante. Gente rumorosa e molesta come la maggior parte degli arricchiti che entrano in quei tipi di ristoranti. Dopo aver scoperchiato tutti i piattini che scorrevano davanti a loro, con aria schifata, han visto bene di ordinare le stesse identiche cose nella classica barca di sushi (altra cosa che con davvero POCHE eccezioni caratterizza il finto intenditore). Ragazzo: Mi raccomando mi porti LA MAYONESE. (Che schifooo!!! Dove la vuole mettere? Nota, alcuni uramaki fatti su con della frittura con poca mayonese ci stanno anche ma… NdK). Arriva il cameriere con la mayonese e una tipa sempre accanendosi a voler usare le bacchette piglia un california roll, e lo spappola dentro la mayonese, usata al posto della salsa di soya, giusto per far capire QUANTA ne infilava su. Vabbeh. Siccome ha fatto la pappina di cadaveri di roll, alla fine ha visto bene di farsi portare un cucchiaino per tirar su quell’abominio di mayonese e riso. (Che schifo. Consigliato per questi signori la prossima volta una bella paninoteca americana. NdK)
  •  Bionda, al tavolo con un signore. Parlavano di lingue. Salta fuori il modo di ringraziare, ovvero il semplice genuino classico Arigatou. – Ok. Salta su il tipo davanti e dice che in portoghese si dice invece Muy Obrigado, e i due finiscono per convenire che e’ simile! Allora lei tira fuori la perla. "Eh perche’ sai in effetti Arigatou viene dal portoghese! Prima non ce l’avevano neanche la parola per ringraziare in Giappone. Solo che per influenze linguistiche da Muy Obrigado e’ diventato Domo Arigatou (pronunciato Dòmo Arigàto, un po’ alla romanaccia). (Ora… Non vorrei fare quello che si mette a fa la keipedia per farti capire che prima di un certo tipo di rapporti di commercio chiunque venisse da fuori veniva ucciso a sangue freddo, quindi non c’e’ certo stato modo di infilare un PORTOGHESE in quell’isola abbastanza presto da influenzarne le radici linguistiche, ed e’ EVIDENTEMENTE una stronzata colossale… Pero’ lo faccio lo stesso. E aggiungo che L’origine di "arigatou" è da ricercarsi nel congiuntivo dell’aggettivo
    "arigatashi" (有り難し), "arigataku" (有り難く), che con il tempo e le
    trasformazioni fonetiche è diventato "arigatou" (ありがとう). Infine un’ultima osservazione: ma vista la cultura di quel popolo, cosi’ profondamente radicata sull’onore, vuoi che non avessero una parola per dire grazie? =__= NdK)
  • Tipo a un tavolo poco distante – Prende le bacchette, prova a dividerle, non ci riesce e finisce per usarle come un moderno forchettone, infilzando tutto quello che ha davanti a se con piglio quasi omicida.

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Finto intenditoriato Atto II

  1. MarSia ha detto:

    Il punto sul ringraziamento: EPIC FAIL…ma l\’ultimo…l\’ultimo è un G E N I O

  2. Martina ha detto:

    Si sa che il giapponese deriva dal portoghese. Cosa nota a chiunque. (Io, fossi stata al posto del cameriere, l\’avrei costretto a fare harakiri. Ma immagino che sia qualcosa che non aiuta a far girare l\’economia di un ristorante.)L\’ultimo invece mi ricorda me quando litigo con le bacchette .__."

  3. Keishiro ha detto:

    Martina e Marsia: Sappiate che purtroppo pare una (dis)informazione molto diffusa quella che si creda che il modo di ringraziare giapponese venga da qualche stato europeo. :\\ Il che aumenta soltanto il numero di persone a cui dare vassoiate in testa.

  4. veroniKa ha detto:

    Scherzi. Quando i portoghesi sono arrivati nell\’era preistorica ad insegnare le buone maniere ai villici nipponici si sono visti accogliere a suon di bacchettinate negli occhi. Le bacchette, si sa, sono armi da offesa.LOL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...