Questo mondo crudele, competitivo e basato su degli standard…

Scroll down for english version

Ragazzi, da che mondo e mondo…

Presentarsi come (o essere? Ma questo e’ sempre tutto da stabilire NdK) diversi comporta una massiccia dose di responsabilita’.

Chiunque sia pronto a farlo dovrebbe saperlo meglio di tutti. In primis, e’ una cosa che fa partire svantaggiati. E richiedendo una qual certa forza d’animo per continuare ad essere se stessi al di la’ di come ci si aspetta che si sia, presenta un ulteriore svantaggio, perche’ da sempre chi e’ sicuro di se’ rischia di risultare arrogante.

Gestirsi questo fardello, da mantenere perennemente sotto controllo, non e’ semplice. Bisogna misurarsi di continuo con un mondo che non fara’ altro che tentare, in tutti i modi possibili, di pugnalare alle spalle e utilizzare tutti i mezzi possibili per scalzare via “la pecora nera”, il cui manto sara’ sempre piu’ nero man mano che questa iniziera’ a belare.

Finche’ e’ nera e se ne sta zitta, va anche bene. Magari se piange anche perche’ non e’ bianca, fa pure tenerezza.

La pecora nera deve pero’ avere la consapevolezza che sono le pecore bianche, purtroppo, a comandare. A gestire i giochi. Ad avere in mano, sempre e comunque il suo futuro. La pecora nera deve imparare ad agire di scaltrezza.

Districarsi, anche nella merda che puzza di piu’, non per uniformarsi, ma per poter raggiungere uno stato in cui puo’ belare con una qual certa sicurezza. Far arrivare il proprio messaggio in maniera piu’ efficace.

La pecora nera non deve dimenticare di essere in un contesto.

Remando contro al contesto, la pecora nera deve ASPETTARSI di non essere apprezzata, e di vivere un’eterna lotta.

Non sono tutti bravi ad essere diversi. La bravura in questo campo si stabilisce mediante quanto si riesce ad essere forti, coerenti, ma anche in grado di accettare e gestire a propria volta le diversita’ da se.

Una pecora nera DOC nasce rabbiosa e piena di spirito.

La strada tuttavia le insegna che queste due caratteristiche puo’ metterle meglio a frutto vestendo un manto di pacata superiorita’.

Non litigare con la pecora bianca… Snobbala.

Sai di essere qualcosa che nessuno e’. E non e’ neanche un granche’, visto che in teoria siamo tutti diversi. Non farglielo sapere, che lo sai.

Fa in modo che pensino di averlo capito loro per primi, ed allora, ti sosterranno.

Perche’ sarai una loro “scoperta”, e non sarai piu’ un rischio, o una cosa aliena, o una cosa da sminuire… Ma un vanto.

 

This competitive, cruel world based on standards…
 
Guys, seriously…
 
To self proclaim (or to be? That’s still to verify NDK) as a different individual involves a massive dose of responsibility.
Anyone who is ready to do so should know better than anyone.
 
In the first place, it’s something that makes you start disadvantaged. And asking for a certain personality, in order to continue to be yourself despite what they want you to be, it also comes with an additional malus, ‘cause the one who is self confident seldom risks to appear as arrogant.
 
It’s not easy to manage this burden. You have to fight with a world that will do nothing but trying to backstab and push the “black sheep” away, using all possible means to accomplish it.
 
The black sheep’s mantle will get darker and darker as it start to bleat.
It will be accepted only if it just shuts up, or maybe it cries for not being white. It might also appear sweet.
 
The black sheep must learn to be aware that white sheeps are in charge. Unfortunately. They handle the games. They handle its future.  
 
The black sheep must learn to be smart. 
To survive, even in the most smelly shit. Not to become white, but in order to reach a status where it can bleat louder, and safe. To better convey its message.
 
The black sheep must not forget it lives in a context.
Fighting that context, the black sheep must EXPECT not to be appreciated, and to live an eternal struggle.
 
Not everyone is capable of being different. You can tell you’re skilled by how you manage to be strong and coherent, but also able to accept and handle the diversity from you in the first place.
 
An ALPHA black sheep is born angry and full of spirit.
However, growing up, it learns how to put these two sides better, wearing a veil of calm and superiority.
 
Don’t argue with white sheep … Snob it.
 
You know you’re something unique. And it’s not even that great, since we’re all different afterall.  
Do not let them know that you know.
 
They must think they’re the first who discovered it. Then, they’ll sustain you.
Because  you’ll be their “discovery”, and you won’t be a risk, or an alien, or something to fight and diminish … but rather a source of pride.
Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category, Toughts e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...