La leggenda del corvo – Approfondimento – La compagna di viaggio

Si puo’ amare il modo in cui qualcuno ti ama? Se questo e’ possibile, e’ sicuramente quello che e’ accaduto a quella povera vittima della fidanzata di Koki Tachikawa, Veronika Obviate.

Kei e Veronika si conobbero facendo involontariamente sclerare il compagno di lei perche’ stavano semplicemente parlando. Prima di allora i loro contatti erano sporadici, e riguardavano quasi sempre lui, o quello che succedeva in coppia con lui e la sua sorella.

Dopo quell’episodio, ad una delle rare feste fra amici che ancora Kei frequentava, la ragazza ebbe la cattivissima idea di flirtare con lui, ed i due divennero rapidamente qualcosa di molto particolare.

A Veronika Kei ha regalato qualcosa che non dava via tanto facilmente, anche se non subitissimo: la verita’. Fu una delle poche a viverlo veramente anche dall’altro lato dello specchio magico, non solo per qualche istante. Ma a che prezzo? Il prezzo di avere a che fare, piu’ spesso di quanto l’abbiano mai fatto gli altri, con il peggio di lui.

L’incostanza di chi amava essere un sogno, ma non sopportava essere considerato l’incarnazione di qualche necessita’, o sentirsi bloccato o braccato. Di chi voleva sempre le persone sia vicine che “fuori dal cazzo”. Di chi imputava sempre a chiunque di volerlo usare come trofeo.

Veronika e’ stata una delle amanti e delle amiche piu’ assidue di Kei, ma veniva sempre involontariamente celata in un’ombra che detestava a morte. Non compariva quasi mai nelle foto, e sebbene gli stesse spesso appresso, non aveva praticamente mai nessun ruolo “ufficiale” al suo fianco, se non come amica o collega in ruoli amministrativi. Sebbene fosse una compagna fotografa anche lei, raramente collaboravano ufficialmente a qualcosa di artistico.

Anche il poco che le fu promesso per rimediare a questa sbadataggine, le fu negato in seguito da un delirio di disprezzo per il concetto stesso che il corvo si e’ fatto venire negli ultimi istanti della sua vita (“non voglio essere una medaglia, perche’ dovresti voler esporre quello che siamo?”). Percio’, forse si merita qualche parola in piu’ di chi invece era notoriamente al suo fianco, rompendo il silenzio che il nostro ingrato e viziato protagonista le ha sempre creato attorno, parlando molto piu’ spesso della sua esasperazione di quanto potesse fare della sua gioia di averla come compagna di esistenza.

In pochi sanno offrire l’abisso all’abisso. Il Kei che Veronika ha conosciuto inizialmente era una creatura ferita, tagliente, mutevole e marcatamente sadica, con sfumature di carattere che avrebbero raccapricciato chiunque. Ma non lei. Lei a questo nero ha risposto con il suo nero, ed insieme, negli anni, hanno imparato a conviverci, accettarlo, gestirlo e passare oltre.

Passare oltre al disagio, passare oltre ai limiti che la loro situazione creava per entrambi. Han vissuto cose nuove, si sono dati a vicenda aiuti in momenti di forte difficolta’.

L’uno con l’altro, hanno imparato a conoscere punti di forza e debolezza, sfumature che hanno reso entrambi quello che sono, punti sui quali e’ necessario poggiarsi per essere sempre migliori. Nonostante l’instabilita’ e l’insofferenza di lui e la paura di perderlo di lei, in tanti anni non si sono mai allontanati, hanno visto interi periodi della loro vita cambiare completamente.

Voci dicono che per un po’ di tempo abbiano anche vissuto insieme, nel periodo in cui Kei non c’era piu’ su Second Life, al di la’ dello specchio. E che anche prima e quando questo ha smesso di sussistere, hanno vissuto comunque assieme momenti privi di schermi, anche occasionalmente con amicizie comuni come Ultor Welles, Hector Treves, Nihal Lane, Fata Boa e Montex Heron.

Dove la moglie era lo specchio, la partner in crime era l’amica intima, Veronika e’ riuscita ad essere quella che va oltre ad entrambi i concetti. Tutto questo, e molto di piu’, una compagna di viaggio, in molti sensi, seppure nel silenzio dove il corvo spesso afferma che risieda “la sua verita’”.

Si dice che un’amicizia si misuri anche da quanti inside jokes due persone possono tirare fuori. Sfidateli, e scoprirete che non basterebbe un giorno intero.

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La leggenda del corvo – Approfondimento – La compagna di viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...