MOLTO Lunga serie di domande prese da vari test “per conoscersi”…

1. Quali sono i tuoi obiettivi nella vita?

Serenita’, essere utile al prossimo.

2. Sei rimasto amico con le tue ex o i tuoi ex?

Avrei voluto, io vorrei sempre rimanere in buoni rapporti con le persone che, per qualche motivo, hanno occupato una grossa ed importante fetta della mia vita, sempre che non mi abbiano ferito in maniera eccezionale.

3. Hai mai avuto amicizie esclusivamente per secondi fini?

Mai, neanche una volta.

4. A cosa stai pensando in questo momento?

Al fatto che il pomeriggio non e’ sufficientemente lungo per fare tutto quello che vorrei fare oggi, a parte rispondere a domande cazzone.

5. Chi è il tuo scrittore/cantante/attore preferito?

Daniel Pennàc / Non ne ho piu’ uno / Non ne ho mai avuto uno

6. Come e perché la tua ultima relazione è finita?

La mia controparte ha iniziato a vivere una vita in cui io non c’ero, e quando c’ero molto spesso non volevo esserci per vedere come cavolo la stava vivendo.

7. Hai mai tradito qualcuno? Chi e quando? 

Mi e’ capitato, si. Non penso lo rifarei, ma preferisco premettere subito, per onesta’, che ci sono situazioni in cui il mio autocontrollo e’ molto poco affidabile. Alcool e provocazioni molto pesanti sono qualcosa che mi rende molto marcatamente debole. Ormai e’ difficile che io finisca in certe situazioni, comunque: non bevo piu’ se non proprio per festeggiare, e difficilmente mi infilo in situazioni sociali “scoperecce”. Il mio amore, comunque, e’ quanto di piu’ assurdamente fedele si possa chiedere, se non lo si delude, ferisce, soffoca o ignora, non se ne va mai. A seconda del tipo di relazione che si intende instaurare, ci sono diversi tipi di fedelta’ che posso offrire. Mi e’ capitato di amare piu’ di una persona, ma anche in quei casi, sono sempre rimasto accanto a quella con cui avevo preso impegni, lasciando le altre nello stato di “amici a cui sono molto affezionato”. Tradire per me e’ innanzitutto ingannare, mentirsi; questo, non lo faccio piu’, a costo di prendermi qualche vaffanculo, o qualche sguardo giudicante.

8. Chi è la persona più importante nella tua vita?

Sono io. Anche se a volte non do a questa persona l’impressione di esserlo, non la curo con l’entusiasmo che merita.

9. Qual è il tuo ricordo più prezioso?

Sono tutti molto tristi, perche’ chi me li ha fatti vivere e’ morto o ha deciso che non era piu’ il caso di stare nella mia vita, neanche in modo pacatamente periferico.

10. Ti piace il tuo nome?

Non e’ brutto, ma avrei preferito qualcosa di piu’ unisex, per problemi mentali miei.

11. Hai un soprannome?

Piu’ di uno. Non farmeli elencare che non finiamo piu’.

12. Avevi un amico immaginario da piccolo?

Avevo amici veri, da piccolo. Non me ne servivano di immaginari. Amavo pero’ giocare, ed ero perfettamente cosciente che fosse un gioco ovviamente, tutta una serie di mondi collegati a quello reale dove miei amici, mie passioni e la mia fantasia si mescolavano per creare un universo caotico e fantastico chiamato Il Mistero. Quali migliori giocatori di ruolo di dei bambini che giocano di ruolo sin dalle elementari? Questo causava molta preoccupazione nei nostri insegnanti, ma noi, perplessi, ci chiedevamo per chi cavolo ci avessero presi: certo che sapevamo che era un gioco!

13. Credi nell’amore?

Non lo so. Amore e’ una parola che racchiude troppe cose troppo vaghe e troppo soggettive per poterci dare una definizione chiara. Posso crederci, si, credo che l’amore, l’affetto, e tutto quello che ne deriva siano il motore stesso degli eventi. Senza questo delirio empatico/egoistico noi non ci muoveremmo di un millimetro dalle nostre posizioni, dalla nostra routine. Verso chi questo viene diretto, se stessi, un amico, un partner, non cambia il fatto che e’ cio’ che muove tutto.

14. Sei religioso?

Circa. E’ un argomento molto personale, troppo facile da banalizzare facendo facili associazioni mentali, e da giudicare dall’esterno senza garbo. Quindi, preferirei non parlarne. Non e’ una cosa che intendo predicare, dopotutto, sono convinto che chi lo faccia abbia soltanto bisogno di sentirsi saggio.

15. Cosa cerchi nell’ipotetica donna/uomo della tua vita? 

Complicita’.

16. Qual è il tuo film preferito di sempre?

Non amo farmi classifiche in testa, specialmente per cose poco importanti come un film.

17. Quali sono i tuoi vizi, e le tue virtu’? 

Sono una persona molto debole al sesso, e alla sensazione di dominio al di fuori di esso. Sono anche una persona molto attenta, generosa e buona, desidero piu’ spesso il bene degli altri di quanto io desideri il mio.

18. Qual è il posto che vorresti visitare più di tutti al mondo?

Kyoto, per motivi personali.

19. Descrivi la tua figuraccia più imbarazzante di sempre.

Peschiamone una a caso che fa sempre ridere tutti, scena da fumetto: Liceo, verso la fine del primo anno: inciampo e acchiappo cercando di bilanciarmi i pantaloni del ragazzino super bacchettone per cui avevo una cotta, tirandoli giu’ di botto. Si e’ incazzato come una iena. Non ci ha mai creduto, ma non l’ho fatto apposta…

20. Qual è la tua fantasia più strana?

Facciamo che per non inquietare nessuno, non ne parliamo.

21. Che lavoro fai, o cosa studi?

Il lavoro e’ una nota dolente. So fare davvero un sacco di cose, tutte diverse. Il babysitter, l’help desk informatico, il pittore, l’illustratore, il traduttore, il segretario, e tutto piuttosto bene, sono anche veloce ad imparare tutto cio’ che serve sapere per lavori mai svolti. Ciononostante, la mia carriera e’ abbastanza costantemente in salita, spesso per sfortuna, o stigma sociali. Studio per conto mio una serie enorme di cose, psicologia, comunicazione, francese, giapponese, risorse umane, inglese avanzato, e tutto cio’ su cui percepisco di avere lacune viene prontamente affrontato in contemporanea.

22. Qual è l’ingrediente più importante in una relazione secondo te?

La complicita’, la capacita’ di essere sempre “io e te mano nella mano di fronte ai problemi”, e non io con i miei problemi e tu con i tuoi che ci sbraniamo per troiate perche’ siamo nervosetti, o smettiamo di ascoltarci perche’ riteniamo che l’altro “non capisca”, mettendoci erroneamente al di sopra di lui/lei…

23. Sei romantico? O solo un rubacuori?

Molto romantico, davvero MOLTO romantico, anche se non ci si crederebbe non conoscendomi bene.

24. Cosa ti infastidisce di più in assoluto?

Il rumore. Il rumore inutile, il rumore ripetuto, e il rumore forte. Potessi vivere in una biblioteca sarei felicissimo.

25. Sei geloso e possessivo di carattere?

Solo se non sono sicuro di quello che l’altra persona prova per me.

26. Hai mai fatto uso di droghe?

La coca-cola, il cioccolato fondente e la caffeina immagino contino nel conteggio, giusto? Per il resto, mai neanche uno spinello, ed e’ una cosa che fa sembrare tutti quelli che ne fanno uso cosi’ tanto coglioni che non vorrei mai rischiare di “capirla” onestamente, risultando cosi’ deficiente all’esterno.

27. Sei fidanzato? Da quanto tempo?

Single, da diversi mesi, quasi un annetto. Mi piace dire, comunque, “felicemente friendzonato”, perche’ una persona single in genere la si percepisce come “a caccia” e “disinteressata sentimentalmente a chi ha intorno”, e non sarebbe corretta come definizione.

28. Come reagiresti a un periodo di astinenza sessuale? 

Frignando, come sto facendo da un po’… Onestamente e’ semplicissimo quando non si e’ abituati, un po’ come tutto. Dopo tanti anni di rapporti frequenti, stare senza pesa un po’, gli ormoni sembrano dirti “Beh? E allora? Che facciamo?”. Ma piano piano, pesa sempre di meno.

29. Pensi che sposarsi significhi guadagnare di più per la famiglia oppure passare più tempo di qualità con i suoi membri?

No.

30. Sei innamorato?

Si. Credo proprio di si. Purtroppo.

31. Hai mai fatto esperimenti particolari con la tua sessualità? 

La mia sessualita’ e’ quella che e’, al massimo si possono fare esperimenti particolari con il sesso. E si, certo… se non si prova ogni tanto qualcosa di strambo, che noia! Non sempre pero’, chi e’ troppo avventuroso si perde il gusto della sperimentazione nel tempo, e il pepe di cio’ che e’ “inusuale” rendendolo parte della normalita’.

32. Ti sei mai svegliato una mattina pentendoti di quel che hai fatto durante la notte?

Una volta sola.

33. Vuoi figli? Quanti?

Uno non guasterebbe, ma non c’e’ mica fretta sai… Non sono sicuro che sarei un buon genitore, specialmente in questo momento della mia vita.

34. Hai animali? 

Gatti.

35. Hai mai avuto un sogno ricorrente?

Capita, al massimo tre volte. Non c’era nessuna particolare incidenza con gli avvenimenti circostanti, solo forse un po’ di ossessione da parte mia per certi elementi.

36. Dove ti vedi fra cinque anni?

Esasperato per qualche altra cosa che non mi da pace. Se non per le stesse cose.

37. Ti piacciono i graffiti?

Se sono fatti bene, si.

38. Hai mai sentito il bisogno di imparare a gestire la tua rabbia?

L’ho fatto.

39. Quanto è importante la competizione per te?

E’ importante che mi stia lontana almeno 4km.

40. Preferisci usare la biro blu o nera?

La biro blu e’ un’abominio che utilizzo solo in caso di strettissima necessita’.

41. Sei superstizioso? Su cosa?

Tendo a considerare alcune cose dei segni o delle prese per il culo del destino. Ma e’ piu’ un gioco che faccio con la vita, fatto di facili associazioni mentali, che una superstizione.

42. Come descriveresti la vita perfetta?

Abbastanza soldi per non aver paura a fine mese, non abbastanza per avere tutto quello che si vuole subito. Abbastanza amore per non sentirsi qualcosa che non fa parte di niente, non abbastanza per darlo per scontato. Abbastanza cibo per non avere fame, non abbastanza per peggiorare ulteriormente il numero sulla mia bilancia. Abbastanza sogni per non essere tristi e fermi, non abbastanza per perdere il contatto con la realta’. Abbastanza soddisfazioni per sentirsi motivati a tirare avanti, non abbastanza per diventare arroganti.

43. Passi molto tempo davanti alla tv?

Uso la TV come dispositivo televisivo per un totale di un 3% dell’anno. Tutto il  resto del tempo e’ una radio (canali musicali senza programmi rompipalle in mezzo), o uno schermo per qualche console/per vedere qualcosa di presente sul pc un po’ meglio.

44. Se il genio della lampada potesse regalarti una nuova abilità, cosa vorresti essere capace di fare? 

Leggere la mente degli altri a comando.

45. Come hai trascorso le ultime vacanze estive?

A preoccuparmi per il mio presente e per il mio futuro, spiaggiato in una vasca da bagno cercando di resistere al caldo insopportabile, come tutte le mie vacanze estive da un bel po’ di anni a questa parte.

46. Ti sei mai sentito inutile?

A volte, ed e’ una sensazione che mi distrugge, non riesco a sopportarla.

47. Porti bene gli anni che hai?

Mi dicono che sembro molto piu’ giovane. Molto.

48. Cosa preferisci? Soldi, potere o fama?

Soldi.

49. Cosa ami di più del tuo migliore amico?

La mia migliore amica e’ un sole di amore ed onesta’ che brilla in un mondo brutto che non fa che cercare di oscurarla o approfittarsi di lei. Il mio migliore amico e’ un’ombra inquietante e tagliente, ma in grado di fare un sacco di bene.

50. Mamma o papà: a chi vorresti assomigliare di più?

Onestamente, senza con questo voler sottointendere nulla, non voglio somigliare a nessuno dei due. Ma manco per idea.

51. Qual è la persona a cui pensi più spesso?

Una persona che, anche quando non e’ presente, riesce a far sentire la sua presenza/assenza, come un folletto sociopatico sempre sulla mia spalla.

52. Qual è stato il tuo peggior appuntamento?

Sono stati tutti abbastanza carini.

53. Qual è il locale che frequenti più spesso?

Casa mia.

54. Quale è il mese che preferisci?

Febbraio. Tanti auguri a meeeee….

55. Secondo te, le misure contano?

Dipende, stiamo arredando una casa, o stiamo parlando di sesso?

56. Cosa ne pensi del sesso ogni giorno?

Ogni giorno che hanno fatto gli dei, mi pare troppo. Ognuno ha il diritto di non averne manco per l’anticamera del cervello, essere stanco, avere di meglio da fare. Ma si puo’ restare sulle tre, quattro, cinque volte alla settimana.

57. Una cosa che odi di te?

Sono spesso molto incerto sulle mie abilita’. E molto pigro.

58. Hai un modello o un idolo?

No.

59. Credi nei fenomeni paranormali?

A volte. Sicuramente non escludo a priori la possibilita’ che abbiano una validita’, e ho motivi abbastanza consistenti (per me) per essere convinto che ogni essere umano abbia capacita’ che non sa come sviluppare, ma occasionalmente si manifestano, come una spiccata percezione di cose che “non si vedono” e “non si sentono”.

60. Se fossi su un’isola deserta e potessi portare con te solo una persona, chi porteresti? Perché?

Porterei la persona piu’ logica e pratica che conosco, della mia eta’ circa, possibilmente di salute medio-buona, per avere maggiori possibilita’ di sopravvivere in sua compagnia.

61. Ti ritieni affascinante?

Sono marcatamente affascinante, per le persone che danno importanza alle cose che io ritengo importanti.

62. Ti ritieni un bravo amico?

Si.

63. Un bravo fidanzato?

Potrei essere un po’ difficile da sopportare, mi infastidisco facilmente, e non sono mai contento. Tuttavia sono molto collaborativo e molto paziente di fronte alle difficolta’. Forse anche troppo.

64. Sei dipendente da qualcosa?

Si, ha un nome e un cognome, e un paio di occhiali. Ma sto cercando di disintossicarmi.

65. Credi nei fantasmi? 

Si.

66. Hai paura dei fantasmi?

No. Ma non amo disturbarli se non mi vogliono fra le palle, esattamente come i “vivi”.

67. Se avessi la possibilità di cambiare qualcosa di te, cosa cambieresti?

Probabilmente, avrei l’aspetto e il genere del mio avatar di Second Life.

68. Qual è il lavoro dei tuoi sogni?

L’affittuario, o il mantenuto, perche’ nasco, cresco e probabilmente moriro’ di una pigrizia spaventosa. Ma anche qualcosa che mi consenta di essere di aiuto ad altri o esprimermi artisticamente, penso mi darebbe molte soddisfazioni.

69. Qual è la cosa più avventurosa che hai fatto nella vita?

Non sono una persona avventurosa, ma per niente proprio.

70. Qual è la cosa più costosa che ti sei comprato?

Il pc. Non mi sento per niente in colpa, tuttavia, e’ una cosa che SERVE, moltissimo.

71. Qual è la cosa più costosa che hai comprato per qualcun altro?

Tendo a dimenticare i soldi spesi per gli altri, sono sempre un buon investimento.

72. Se vincessi la lotteria che faresti con tutti quei soldi?

Mi comprerei una casa da affittare, mobili per la casa dove voglio vivere, un pc, un telefono e una tavoletta grafica molto buoni, distribuirei una parte a tutte le persone che conosco che hanno bisogno di soldi, e il resto me lo terrei.

73. Se la tua casa andasse a fuoco e tu potessi portar via solo una cosa, cosa sarebbe?

Il pc.

74. Chi è il tuo modello di comportamento?

Nessuno.

75. Ti piacciono i bambini?

Non tutti.

76. Hai mai detto “ti amo” senza pensarlo veramente?

No. Ma faccio sempre piu’ fatica a pensarlo.

77. Sei una persona pudica?

Quasi per niente. A parte nei momenti di scherzo, tuttavia, ci sono cose che ritengo appartengano all’intimita’. Con i dovuti limiti. Non mi schifo se qualcuno scopa nei bagni. Pero’ non mi piace se lo fa sul tavolo del McDonald’s. Non mi scandalizzo se qualcuno si bacia, ne’ infastidisco. Inizia a darmi sui nervi se e’ tutto quello che fa in un’occasione sociale, pero’.

78. Qual è stata la festa più pazza a cui hai preso parte?

Niente feste pazze. Sorry.

79. Ottieni sempre ciò che vuoi?

Quasi sempre, si.

80. Credi nei progetti per salvare il pianeta?

Il problema non sono i progetti.

81. Hai mai sognato di vincere il Nobel? Se sì, per cosa?

No, non voglio premi per cose grazie.

82. Ti sei mai rasato a zero?

Penso che avrei un crollo emotivo.

83. Qual è la prima parola che ti viene in mente se ti chiedo di descriverti?

Stanco.

84. Quale animale vorresti essere?

Un felino, o un corvo.

85. Meglio un messaggio o una telefonata?

Meglio un messaggio, se c’e’ una cosa che mi mette molto a disagio e da molto fastidio, sono le telefonate.

86. Quanto è speciale per te il ricordo del tuo primo amore?

Immortale, e per sempre un ideale impossibile da replicare.

87. Ti piace ubriacarti?

Mi piaceva. Non succede piu’.

88. Se ti accarezzano la schiena, ti vengono i brividi?

Dipende da chi la carezza e come.

89. Hai mai rubato qualcosa?

Si. Nessun rimorso. Lo rifarei. Aveste visto il prezzo rispetto all’oggetto, mi capireste. O forse no, non e’ importante.

90. Qual è la cosa più pazza che hai osato fare nella tua vita?

Non faccio cose pazze, non faccio cose avventurose, non vado a feste pazze, non considero figo fare puttanate per poi dire che sono stato ggggiovane ed incauto, non mi appartiene questo modo di vivere, mi spiace, sono noioso, tutt’al piu’ le mie cose “pazze” sono sempre state da maniaco sessuale.

91. Quali sono il ragazzo e la ragazza piu’ belli che hai mai visto/conosciuto?

Il ragazzo piu’ bello era a un concerto a una festa a bollate. Aveva lunghi capelli biondi mossi e un accenno di barbetta, un visino giovanile e un fisico asciutto, senza troppi muscoli. Un modo di vestire da metallaro, e dei piccoli occhialini simili ai miei. Stava scherzando con i suoi amici, e io non riuscivo a smettere di fissarlo. Una visione, perfetto. La ragazza piu’ bella hmmm… rossa, con i capelli mossi lunghissimi, con dei bei fianchi e delle belle cosciettine morbide. Un sacco di lentiggini!

92. Ti piacerebbe avere un cane? Che nome gli daresti? Oppure preferiresti un altro animale domestico? 

Non sono molto “in tune” con i cani, sono dolci, ma veramente troppo stracciaballe, a me serve aria.

93. Il bicchiere e’ mezzo vuoto o mezzo pieno? 

Il bicchiere e’ una cosa per segaioli. Tanto l’acqua la devi bere, e se e’ poca, c’e’ sempre la bottiglia, alza il culo e riempi.

94. Chi è stato il mito della tua infanzia?

Sirio dei Cavalieri dello Zodiaco.

95. Quando hai avuto la tua prima cotta?

All’asilo.

96. Qual è la cosa più carina che hai fatto per un tuo amico?

Faccio sempre cose carine per i miei amici, quando posso farlo.

97. Sei permaloso?

Non sempre, ci sono delle cose, pero’, su cui ho veramente poco senso dell’umorismo e poca tolleranza.

98. Con che colori ti vesti?

Nero, viola e grigio, prevalentemente, quasi del tutto, al massimo con righe o interventi bianchi, o parti rosse.

99. Quanto spesso dici bugie?

Ogni qual volta io debba proteggere me, qualcuno o qualcosa. Non amo farlo, pero’.

100. Sei alto o basso?

Dicono che sono di altezza normale per il mio genere, ma io mi sento sempre basso…

101. Porti collane e gioielli vari?

Talvolta, ho sempre addosso alcuni simboli a cui tengo molto.

102. Ti è mai piaciuto un tuo insegnante?

Non nel senso sessuale del termine. Come persone, ne ho avuti di ottimi.

103. Ti consideri una persona felice?

A fasi alterne.

104. Cosa faresti se fossi su un’isola deserta e non ci fosse nulla da mangiare?

Panicherei marcatamente e inizierei a cercare della frutta che non sia potenzialmente velenosa.

105. Ti piacerebbe andare sulla luna?

Ora come ora no, magari se e quando sara’ mai una cosa comoda e sicura.

106. Credi nella vita dopo la morte?

Nulla muore, tutto si trasforma.

107. Cosa faresti se il tuo migliore amico ti dicesse che la persona che ami non va bene per te?

Chiederei spiegazioni sul come e sul perche’. Dettagliate. In caso non arrivassero, non darei peso all’opinione. La cosa triste e’ che invece in genere mi dicono che la persona che mi piace e’ perfetta per me. E’ lui che non sembra cosi’ convinto della cosa.

108. Qual è la cosa peggiore che hai fatto a un tuo amico?

Nulla che non si meritassero o di cui non avessero bisogno, anche se sul momento non credo l’abbiano capito.

109. Di solito sei volgare nell’esprimerti?

Il volgare e’ la voce del popolo (volgo), chi sono io per pretendere di elevarmi a costo di non comunicare con altrettanta efficacia?

110. Qual è stato l’evento che ti ha segnato di più durante l’adolescenza?

Tutto cio’ che mi ha segnato, mi aveva gia’ segnato durante l’infanzia.

111. Ti piace la caccia?

No. Specialmente quando (nel caso dell’era moderna SEMPRE) non e’ necessaria.

112. Pensi che una donna debba guadagnare meno di un uomo?

No, chi potrebbe mai pensarlo?

113. Credi nell’anima gemella?

Credo nell’esistenza di piu’ persone “giuste” per ogni persona. La prima che si incontra in genere va bene, ma non ce n’e’ una predestinata, ne’ tantomeno una sola.

114. Credi nel colpo di fulmine?

No. Ma credo nella consapevolezza immediata che qualcuno POSSA diventare un potenziale partner.

115. Ti accontenti di poco?

“Accontentarsi” e’ una parolaccia che mi da un sacco di fastidio. Se non sei contento, non puoi forzarti a farti andare bene una situazione, non ti va bene comunque, ti sei solo piegato. Se sei contento, anche se di poco, sei contento, non ti sei accontentato.

116. Hai mai desiderato stare con la ragazza di un tuo amico, o il ragazzo di una tua amica?

No. Se e’ sucesso, il partner di questa tanto anelata persona non mi era amico, anzi, mi stracciava le palle per ogni cosa e lo disapprovavo con molta forza.

117. Credi in Dio?

Quale, quello degli altri? No.

118. Credi che i vampiri esistano?

No, erano probabilmente degli albini molto stigmatizzati.

119. Al liceo eri uno popolare?

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

120. Ti piacciono le persone anziane o ti danno fastidio?

Mi danno fastidio le persone stupide, non e’ una questione di eta’. Conosco persone anziane assolutamente brillanti, che godono della mia piu’ totale stima.

121. Hai mai commesso un crimine?

Rubare e’ un crimine, suppongo. Atti osceni in luogo pubblico e’ un crimine o una violazione? Non me ne intendo, voglio parlare con il mio avvocato.

122. Sei mai stato geloso di tuo fratello?

Sono figlio unico. Se parli di quello di Second Life, a volte, ma era una cosa bonaria, niente di cattivo.

123. Sei mai stato geloso del tuo migliore amico?

Manipolazioni abbastanza evidenti di una persona che ama agire per provocare, ma non ho mai lasciato che la cosa mi influenzasse realmente.

124. Qual è il tuo orientamento politico? Di solito voti il partito, l’ideologia o la persona?

Il mio orientamento politico e’ “mi avete rotto il cazzo”, voto l’ideologia solo e soltanto se posso concordare con essa al 100%, ed ho la sicurezza che il mio voto non sara’ un palliativo che verra’ allegramente raggirato in al massimo un anno, giusto per far pensare a me, cittadino, di avere una qualsivoglia importanza quando si tratta di prendere decisioni per la propria nazione. Risultato: la mia scheda elettorale, non so piu’ dove cazzo e’ finita. Mi dispiace per chi ci crede, probabilmente mi trova deludente, ma io a votare per il “male minore” quando poi alla fine in realta’ sotto il grande show manipolativo mediatico “a squadre” non cambia mai un cazzo, non ci riesco. Facessero votare qualcosa di veramente IMPORTANTE, allora forse mi scomoderei. Ora come ora, male che vada cambia il burattino, ma si pensa davvero che la mano non sia sempre la stessa? Esiste questa forma di incredibile ingenuita’?

125. Preferisci l’italiano o la matematica?

L’italiano. Marcatamente.

126. Hai qualche velleità artistica?

Dipingo, disegno, cerco di arrabattarmi a creare cose.

127. Ti piace la tecnologia?

Molto.

128. Preferiresti essere due volte più felice o due volte più intelligente?

Due volte piu’ intelligente.

129. Se potessi avere un bambino prodigio in cosa vorresti che fosse il migliore?

Nel creare qualcosa di utile e decisivo, probabilmente mi piacerebbe che fosse un inventore brillante, o uno scienziato.

130. Qual e’ la cosa piu’ strana che ti ha mai attrato in un uomo? E in una donna?

In un uomo e’ l’atteggiamento da tsundere. Di solito lo detestavo, e invece da qualche anno ho capito che mi affascina, la mia stessa incredibile stupidita’ emotiva. In una donna, la cosa piu’ bizzarra erano le braccia. Ao’. Le braccia si.

131. Sei mai stato lasciato?

Una volta sola, in modo brutto e vigliacco, e l’ho presa malissimo. Non conto relazioni che sono durate una settimana, quelle non sono relazioni. Le parole che mi son state dette in quell’occasione bruciano ancora, anche se sono passati 19 anni. Ma il ragazzo aveva dei problemi seri, e molto probabilmente era troppo emotivamente fragile per avere i coglioni di ammettere quali fossero i motivi reali. Quantomeno avrebbero fatto passare lui per una persona superficiale e cogliona che poteva essere onesta sin da subito, non me per una persona che ha come colpa quella di fallire nell’ “essere una donna”.

132. Chi è la persona che ti conosce meglio ?

Senza nulla togliere a chi ha una significativa dose di nozionistica sul sottoscritto, credo che alcune storture comportamentali dovute a eventi passati o casini presenti abbiano portato anche le persone che mi conoscono di piu’ a non conoscermi piu’ tanto bene. E me, a non desiderare piu’ di essere conosciuto piu’ di un tot, nonostante la cosa a leggerla sembri un po’ triste.

133. Quale è stato il periodo della tua vita in cui eri più nervoso e perché?

Quando ero adolescente/giovane adulto, perche’ il mio cattivo rapporto con uno dei miei genitori stava cadendo particolarmente a picco, rendendo impossibile la reciproca sopportazione per piu’ di mezz’ora nella stessa stanza. E vivevamo insieme. Fosse ancora cosi’ molto probabilmente uno avrebbe ucciso l’altro, non so chi, ma non farei scommesse.

134. Qual è una cosa che i tuoi genitori sarebbero sorpresi di scoprire di te?

Che sono una persona precisa (tranne quando c’e’ da tirare una riga dritta!), capace e responsabile suppongo.

135. Quali sono le tue principali ansie?

Ho la certezza che alcune cose prima o poi finiranno, e desidero che sia piu’ poi che prima. Sono anche abbastanza marcatamente stufo di vivere alla “chissa’ domani che succedera’”, come molti della mia generazione, penso.

136. Qual è stato il tuo migliore lavoro?

Direi quello di assistenza tecnica alla Microsoft, ma in realta’ c’erano di mezzo i telefoni, e Dei, io detesto i telefoni. Probabilmente il periodo in cui ho aggiornato e sistemato i computer delle tre principali sedi della Siemens.

137. Qual è stato il tuo lavoro peggiore? 

Stavano “formando” gente in un call center, non funzionava mai un cazzo, non ti pagavano un cazzo e pretendevano che tu lo prendessi come l’opportunita’ della tua vita. Pero’, non dovevi essere troppo bravo, se no risultavi troppo sicuro delle tue capacita’. E se non eri perfetto non andavi bene, ma se per caso mostravi anche per due secondi una scatola del trucco, eri li’ a fare il vanitoso invece di lavorare, anche se magari eri preciso come un orologio svizzero e forse anche in grado di spiegare A LORO come si faceva il loro lavoro, e ti stavano “formando” solo perche’ era un passo obbligatorio… Sentite, io vado a casa…

138. Il piu’ bel concerto al quale sei stato?

Se la combattono quello dei L’Arc~En~Ciel e quello dei Muse, entrambi molto scenici e particolari a livello visivo, e musicalmente perfetti.

139. Per quale concerto / evento sportivo / spettacolo compreresti i biglietti senza badare al prezzo?  

Per quello che mi regala qualcun altro. Io bado sempre al prezzo, si chiama “non essere dei ragazzini coglioni a 33 anni”.

 

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...