Che brutta.

Che brutta che sei. Non perche’ tu sia brutta fisicamente, che quello e’ opinabile, a ognuno piace una cosa diversa, puo’ anche, soprattutto per me, non essere importante.

E’ che sei acida, acida con gli altri, acida con te stessa.

Il tuo sorriso sembra isterico, e’ una deformazione innaturale della tua faccia.

Critichi, critichi, critichi, colpevolizzi, punti dita, sembra il tuo hobby. E ti rimbalza addosso, e ti peggiora ulteriormente.

Sei viziata, sei abituata ad un amore incondizionato che cerchi in giro, mi dispiace, ci vogliono delle condizioni, non scendi dal cielo, non ti deve niente nessuno.

Non c’e’ un genere che sia fallace rispetto a te. Non c’e’ un mondo cattivo che cerca di mettere sul rogo una santa.

Sei una strega, e si vede.

Contro te stessa, contro chi e’ come te, contro chi non lo e’, contro chi non ti apprezza, contro chi non ti affianca allo scopo di aggiungerti valore.

Dalla vanita’ piu’ bieca alla piu’ patetica delle scarse accettazioni di se. Istericamente.

Tutto e’ sotto un riflettore, verde. Ma non verde come la pace della natura, verde come un materiale corrosivo, come l’invidia, come la bile. Verde come certe tonalita’ dell’ansia. Un disordine mentale spaventato, che reagisce alla paura con violenza, la stessa violenza di un bullo, ma non sei abbastanza “in” per fare il bullo, d’altra parte sicuramente sei stata bullizzata.

Sei ferita? Il tuo butthurt appartiene all’universo, e contro di esso si scaglia senza un preciso bersaglio. Ti senti forte, ti senti intelligente, ti senti divertente quando fai cosi’. No. Sei patetica.

Tutto quello che fai, scrivi, dici, sembra chiedere a gran voce un applauso.

E una volta che ce l’hai? Ne vuoi due, cento, mille. E una volta che ce li hai?

Fa tutto schifo lo stesso, specialmente a te. D’altra parte, ti fai schifo da sola, io non capisco come cazzo fai.

A non capirti, a non apprezzarti, a giustificarti, ma non perdonarti la scarsa aderenza a quello che il tuo ego vorrebbe che tu fossi.

La migliore, la piu’ grande, la piu’ bella, la piu’ cose. E dici di no, ma e’ abbastanza evidente. Ti dico un segreto, troverai sempre una persona che e’ o sembra migliore di te.

Perche’ tutta questa cosa e’ un delirio senza senso, e’ questione di punti di vista, contesti, variabili.

Vieni antagonizzata da chi non e’ come te, e finisci a fare lo stesso gioco del cazzo. Perche’? Non sei niente di meglio cosi’.

E nel frattempo fai dei tuoi problemi un martello, come se esistessero solo quelli nella tua vita. Quelli si possono anche affrontare senza farne la stigma piu’ grande della tua esistenza. Anzi, funziona un sacco meglio se ad affrontarli e’ una persona che ha una reale buona impressione di se. Che sa cosa rappresenta, e quel qualcosa non e’ quello che combatte.

Ma tu sei brutta, non brutta fuori, brutta nel profondo, brutta di carattere. Se ti snobbano o ti deludono per qualche motivo, e’ molto probabilmente piu’ per questo che per quel che pensi tu.

Invece di giocare con le tue carte, giochi cercando di far sembrare piccoli e fastidiosi gli altri, cosa pensi di raccogliere seminando questo?

Prima o poi anche il piu’ accecato degli innamorati si stufa.

Ed io che adoro circondarmi di persone problematiche, da te sto alla larga, sto alla larga dal tuo ghigno, dalla tua tossicita’, dalla tua negativita’.

Ho paura che mi infettino se ti avvicini troppo.

E in tutto questo hai una fortuna, nelle mille fragilita’ che tutti abbiamo avuto e alcuni anche di piu’, c’e’ chi continua a cercare di spingerti nella direzione giusta, nella risoluzione, nell’amore, verso di te, verso gli altri, verso gli animali, verso tutto.

E tutto quello che sai fare di questo e’ fare una faccetta storta e sparare altro acido in giro, ad occhi chiusi. Fare violenza su di te perche’ non sai ascoltarti, non sai controllarti.

E per gli dei non mi sorridere, mi fai impressione.

Mi fai pieta’.

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...