Stranezza

Qualunque sia il risultato di questa stranezza, la risposta, la soluzione al grande quesito, non la voglio.

Da un lato sarebbe un risultato molto estremamente problematico.

Dall’altro, molto, molto triste.

Davanti a queste cose, a volte semplicemente mi sento un po’ sola nel casino. Perche’ fondamentalmente siamo tutti un po’ soli nel casino.

Sono delusa, e non so neanche bene da cosa. Nessuno ha desiderato di mettermi maliziosamente nella merda, o quantomeno questo me lo auguro, perche’ non puo’ essere certo la risposta alla mia sgradita sincerita’, mi pare un po’ troppo.  Tutti siamo stati messi alle strette da un brutto destino, e io sto cercando di allontanare il pensiero di quanto brutto possa essere ora per me.

Penso sia piu’ un essere delusa dall’andare delle cose. Tutta la mia cura, tutto il mio sincero dedicarmi, non lo so, non sembra mai sortire nessun tipo di effetto positivo sulla mia vita quando poi sono io ad essere in difficolta’. O meglio, non sembra farlo piu’ ultimamente.

Forse sono solo un po’ negativa io, e la penso cosi’, e’ normale.

Non voglio nessun tipo di risposta dall’anomalia dell’ultimo mese. Non voglio ne’ un si ne’ un no. Perche’ io non voglia un no in una situazione di questo tipo, e’ da chiedere principalmente al mio istinto. Mi rendo conto che non abbia nessun senso in assoluto.

Un si lancerebbe una bomba atomica sulla mia vita, e sulla mia tranquillita’, e non avrei neanche la faccia tosta di mettermi a chiedere cose a chi non me le deve assolutamente, e per giunta ha le mie stesse difficolta’.

Non saprei neanche come evitare di implicarlo, cosi’ come come evitare di implicare persone di un tossico cosi’ potente che si sente a distanza di km.

Dovrei volere un no, che e’ anche l’ipotesi piu’ probabile. Eppure in qualche modo inspiegabile con la logica, fa sempre piuttosto male.

Ogni volta che una persona sta a preoccuparsi, e poi non ha niente di cui preoccuparsi, ma non perche’ le cose vanno sempre un sacco bene, perche’ le cose sono sempre andate cosi’ male e cosi’ trascurate a livello medico che non possono che andare “bene” in una situazione del genere.

Al costo di una relazione capitolata, un’emotivita’ distrutta, anni di vita spesi ad alcolizzarsi per cose che si sarebbero risolte con una curetta di una settimana. Ed ora non farebbero che complicare tutto cosi’ tanto che risolverle genererebbe solo problemi.

E’ come se tornasse addosso tutta una palla di storture. Io non credo sinceramente di essermi meritata questo. Faccio un po’ di fatica a ricacciarlo giu’.

Quanta della mia serenita’ viene sempre mangiata dai soliti problemi… Dallo scarso ascolto, dalla scarsa attenzione, dalla scarsa fiducia, dalla scarsa professionalita’…

“Non sono quelli i deficienti che mi hanno rovinato la vita, non devo prendermela con loro, ma con le persone giuste”.

Solo che alle persone giuste non posso causare nessun problema, loro continuano a mangiare sulle diagnosi errate, a mangiare sulle assunzioni fatte con i genitali, a mangiare sul misterioso strapotere del loro esasperante narcisismo.

Dove la metto allora tutta questa rabbia, e questa amarezza?

Dove le metto, perche’ dentro fanno fatica a starci. Non premono neanche per uscire, pesano addosso e mi stancano. Ho avuto muscoli per scarrozzare in giro 140kg, ma non tutto questo danno immotivato.

Sono davvero stanca di tutto questo danno immotivato.

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...