L’espertone!

Di persone “esperte” in quello che mi e’ sempre piaciuto fare e studiare, ne conosco tante, e non me ne piace nemmeno una.

E le voglio marcatamente distinguere dalle persone che hanno studiato quello che mi e’ sempre piaciuto fare e studiare, perche’ questo non le include automaticamente in questa altisonante e fastidiosissima, molto diffusa categoria.

Le persone di cui parlo sono tirate a lucido da morire e amano sventolare, piuttosto che utilizzare nei modi e nei momenti appropriati, le proprie conoscenze. Sono persone che disprezzano la ragazza con la felpa non tanto perche’ pensano che abbia una preparazione inferiore senza neanche averci parlato due secondi, ma perche’ si sentono minacciati da un branco in realta’ inesistente di presunti “tuttologi” che rischia di dimostrargli che il loro pezzo di carta dimostra soltanto il tempo che hanno passato ad occuparsi di qualcosa, e probabilmente anche numerosi anni addietro, ma non li rende superiori a nessuno.

Si riconosce subito il dettaglio che fa la differenza. La persona di cultura innanzitutto CONTINUA ad informarsi con interesse e con passione a cio’ che in seguito e’ diventato il suo titolo, il suo mestiere. Tutta la vita. Non si siede sul diplomino facendo il figo quando poi non sa neanche piu’ utilizzare i mezzi per adeguare la sua professione ai tempi che corrono. E quando dice che sei interessato alla sua materia, non ti guarda come se fossi l’ultima delle merde, ti consiglia, aiuta e offre spunti per approfondire una materia che piace ad entrambi.

Non sente la sua posizione minacciata dal tuo interesse. Non si sorprende se scopre che conosci gran parte delle cose che ha studiato, e non da per assunto che tu le abbia studiate “peggio” perche’ ti ci sei avvicinato privatamente. Ti offre il suo punto di vista sull’argomento, ti fa domande per capire se ci sono lacune sulle quali ti puo’ aiutare a lavorare.

Certe volte quando mi ritrovo a parlare con certe persone, che danno tutta sta importanza enorme ai diplomini senza neanche stare ad ascoltare veramente la persona con cui stanno parlando, mi viene quasi voglia di andare contro la mia natura e farmi un cazzo di diplomino per ogni cosa che so effettivamente fare. Giusto per il gusto di schiaffeggiarci certe persone, e morire povera e sottovalutata (come la maggior parte dei miei coetanei) lo stesso. Ma guarda, quasi quasi lo farei giusto per metterli a tacere.

Sicuramente colmerei un sacco di lacune, non potrebbe che fare bene al mio percorso formativo. Peccato che ci vorrebbe uno stonfo di tempo per ogni singolo campo, e non saprei come mantenermi nel frattempo, ne’ come pagare questi fantomatici studi, che ti forzano il LORO approccio alla materia e quindi richiederebbero di informarsi per mesi, anni, su un mare di cose che ho volontariamente trattato con superficialita’, e poi alla fine della fiera avrei circa cinquant’anni e un sacco di carta da culo istituzionale.

Il fatto e’ che i danni che questo genere di teste di cazzo causano al campo in cui lavorano e ai clienti che trattano e’ enorme. Se vediamo per esempio i medici che non si sono accorti di una semplice policistosi ovarica e mi hanno fatto passare per 20 anni una vita DI MERDA con tanto di bulli, genitori convinti che fossi una pazza che svuota il frigo (di qualcun altro, perche’ tutto sommato vivevo con loro ndK) di notte o cose del genere, carriere, vite sociali, sentimentali e salute completamente stroiate, e via dicendo, solo perche’ si son date per assunte cose senza controllare mai adeguatamente (o peggio facendo controllare ad altre teste di cazzo della stessa grana), possiamo capire che tipo di danno potrebbe fare un espertone di questa levatura quando si mette a fare l’architetto, per esempio. *ponti che crollano, case che si incrinano perche’ vengono fatti controlli strutturali alla cazzo, temperature all’interno di sontuosi palazzi di vetro che nel periodo estivo sfiorano quelle di un forno e altre immagini divertenti di pericolose sviste passano sullo sfondo*

E non li ferma nessuno, perche’ sono degli intortatori di prima classe, hanno la loro dimostrazioncina e la fanno bastare, c’e’ ancora troppa fiducia in un sistema didattico in realta’ un po’ troppo lasco, soprattutto per quanto riguarda il seguire poi l’evoluzione della materia e delle sue applicazioni durante gli anni post-diploma.

Sono una maestra d’arte, e gia’ quando studiavo io arte a scuola, la insegnavano in maniera molto retrograda, e per quanto il metodo sia cambiato completamente, continua ad essere retrogrado sotto molti punti di vista. Eppure l’arte e’ una materia che in gran parte si “fa”, dovrebbe essere meno complicato mantenere aggiornato il sistema didattico rispetto a materie come la psicologia, che e’ in continua evoluzione, o la scienza, a sua volta colma di scoperte ed applicazioni differenti a braccetto con la tecnologia, e la medicina. O forse no, e forse ugualmente complicato e’ NON offrirti un pezzo di carta che certifichi che conosci un argomento e le sue applicazioni in maniera gia’ obsoleta nel momento stesso in cui lo ricevi.

Cosa fa la differenza allora? La stessa cosa che fa la differenza fra un buon insegnante e uno scarso.

Eppure vengono assunti un sacco di insegnanti scarsi. Perche’ per alcuni non c’e’ nessuna differenza.

E posso garantire che una persona cresciuta in una fattoria spesso sa come gestirsela meglio di uno che ha studiato come gestirsi una fattoria. Eppure la sua voce e’ meno ascoltata, non potrebbe neanche andarlo ad insegnare a qualcuno perche’ non e’ qualificato per farlo. Per dirti quali semi vanno in quale terreno e con quale accorgimento deve farsi anni di greco e latino, altrimenti hanno paura che non te lo sappiano spiegare.

Questa cosa e’ assurda, il livello di non-riconoscimento di una cultura personale e’ cosi’ scandaloso e radicato che anche solo tirare fuori l’argomento fa partire in quarta tutti quanti a dire cazzate che non c’entrano NIENTE come “Ah pero’ se uno si informa su internet non e’ che puo’ fare il lavoro di un medico!” — Ma… ovviamente nessuno ha mai detto questo…

Probabilmente pero’ se avessi raccolto a tempo debito materiale e nomi a sufficienza per chiedere danni morali e materiali per 20 anni di vita a certe teste di cazzo, avrei i soldi per farmi tutta la carta da culo istituzionale che voglio, fino alla fine dei miei giorni, mentre anche il piu’ bifolco fra le persone che conoscevo ai tempi mi avrebbe chiesto “non e’ che c’e’ qualche problema ormonale?”. Non che i bifolchi ci azzecchino sempre, anzi. Ma anche gli esperti a volte sparano cagate, e belle grosse, e senza conseguenze.

Percio’ giu’ la cresta quando si parla con altre persone, esattamente come te, signor “esperto”. Se c’e’ qualcosa che sai in piu’, fai informazione invece di compensare qualche problema irrisolto. E le persone, ascoltale.

Annunci

Informazioni su Keishiro Yukikaze

Just your regular twisted egomaniac
Questa voce è stata pubblicata in No Category. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...